L' incidente stradale ogni anno coinvolge, direttamente o indirettamente, migliaia di persone. Pensiamo a chi ha perso la vita o la propria indipendenza rimanendo più o meno menomato ed ai suoi famigliari che ne condividono dolore e disagio. Pensiamo a chi è chiamato dalla Giustizia a rendere conto delle proprie responsabilità. Tutti sono confrontati con procedimenti penali, civili e assicurativi mai semplici ma dove la domanda è sempre la stessa: com'è veramente successo?
Della ricerca di questa verità ho fatto l'obiettivo della mia attività professionale.

L' incidente: perizie e consulenza

Per difendere i vostri diritti, per ottenere il dovuto risarcimento o un giusto proscioglimento e per garantire al vostro rappresentante legale la consulenza di un esperto veramente autorevole e indipendente, sono a vostra disposizione oltre 40 anni di esperienza: la qualità peritale migliore a garanzia della vostra tutela e del vostro successo.

Leggi su perizia e consulenza

Gli esperti: formazione e ricerca

I nostri workshop di specializzazione garantiscono la formazione e l’ aggiornamento necessario ai massimi livelli dell’indagine peritale di analisi e di ricostruzione cinematica degli incidenti. La ricerca scientifica che conduciamo fin dal 1972, stando alla base di questi seminari distinguerà per sempre anche il vostro sapere di specialista.

Leggi su formazione e ricerca

Oltre mille lettori al mese!

Questo sito ha superato l’ambito traguardo dei mille lettori al mese, di cui circa 650 dalla sola Italia, ripartiti sull’intero territorio con importanti concentrazioni, nell’ordine a Roma, a Milano e a Napoli.


Ripartizione geografica dei lettori italiani di www.balestra.ch

Altrettanto interessante e ripagante è costatare che, sebbene questo sito sia in italiano, viene apprezzato e letto nel modo intero, dal Canada all’Australia, dall’Argentina alla Russia oltre che, ovviamente, anche dall’intera Europa.


Ripartizione geografica dei lettori di www.balestra.ch

Questi dati statistici per me hanno il significato del riconoscimento generale, anche se tacito, per quanto ho finora pubblicato e messo così a disposizione di chi mi legge. Sapevo di Colleghi che da anni raccolgono le mie pubblicazioni e le tengono nelle loro biblioteche, ma che a seguirmi foste così numerosi non me lo sarei mai immaginato. Questo ora non è un sogno, è una bellissima realtà che mi ripaga dell’impegno che per anni mi ha visto editare e discutere novità e difficoltà della nostra professione, quella di analista ricostruttore della dinamica degli incidenti stradali.

Fui spesso sul punto di fermarmi, nel dubbio che divulgare la grande esperienza che ho accumulato e maturato in 45 anni d'ininterrotta attività peritale, di studio e di ricerca, servisse a poco ed interessasse perlopiù solo chi già segue la mia formazione. Spesso mi è passato per la mente quel passaggio del Vangelo (Matteo, VII,6) che mi sembra dire “… non gettate le vostre perle davanti ai porci, perché non le calpestino con le zampe e poi si voltino per sbranarvi”. Forse, qualcuno che avrebbe voluto sbranarmi o che lo farebbe volentieri anche oggi, non manca.
Non ho mollato per gli altri che ora ringrazio e di cui apprezzo moltissimo il sostegno morale datomi, non ho mollato specialmente per l’Amore che nutro verso la nostra professione di cui, inconsciamente, ne ho fatto una vera missione.

Potrei chiedere a Voi che mi leggete di indicarmi quale sia la chiave del successo di questa pagina web. Me lo chiedo ogni volta che scrivo qualcosa e, per quanto mi concerne, avrei anche una risposta molto semplice: io scrivo con il cuore secondo scienza e coscienza e, di quest’ultime, sempre mettendoci il massimo di entrambe.
Se tanti mi leggono, spero che sia proprio perché hanno capito questo: per loro continuerò a scrivere.

Lo continuerò a fare, cercando di proporre quello che per me è il meglio dell’analisi peritale nella ricostruzione dei sinistri stradali, scelte e valutazioni solo possibili rimanendo aperti e attenti a quanto si muove anche fuori dal nostro orticello.
Non c’è caso, corso, o manifestazione scientifica da cui non attingere qualcosa di nuovo e di utile. Per me, rimanere all’interno di un unico consesso e non uscire mai a vedere cosa si muove fuori sarebbe un atteggiamento tanto limitante quanto incestuoso che mi ricorda molto il gregge, la forza del gruppo che si oppone a quella della pecora nera, da emarginare solo perché emergente e diversa.
Forse, il successo di questa pagina web è proprio questo, essere la voce della pecora nera.