Formazione e Ricerca vanno di pari passo. Mentre la nostra ricerca è mirata allo studio e all'approfondimento della materia ed alla verifica e all'aggiornamento del sapere scientifico, la nostra formazione è mirata a divulgare e trasmettere questo sapere al fine di costruire una vera coscienza professionale, competente, oggettivamente critica e in continua evoluzione.

La nostra Ricerca

Ricercare significa indagare, esplorare con molta cura, tentare di scoprire, tentare nuove vie per l’arte. La nostra ricerca è investigazione scientifica condotta con sistemicità e tendente ad accrescere o verificare il complesso di cognizioni, documenti, teorie e leggi inerenti alla nostra disciplina, l’analisi e la comprensione dei sinistri stradali.

Vai alla sezione Ricerca

La nostra Formazione

Formarsi è confrontarsi, aggiornarsi, evolvere. La nostra formazione s’ispira al coaching interattivo, dove il mettersi in discussione è la base del processo didattico: in questa partecipazione attiva l’impegno di allievo e istruttore sono altrettanto decisivi. Il sempre maggior interesse per i nostri workshop dimostra che siamo sulla strada giusta.

Vai alla sezione Formazione

Largo a questi giovani !

Sono reduce da un’esperienza per me nuova e comunque assai gratificante. Ieri ho infatti avuto l’onore di partecipare alle presentazioni delle tesi di Laurea in Psicologia dello Sviluppo e della Comunicazione quale correlatore e membro della Commissione. Un momento solenne che all’ Università Cattolica di Milano si svolge ancora con i giudicanti in toga fra cui la presidente, nel caso la Prof.ssa Maria Rita Ciceri, con la stola di ermellino. Sono tradizioni che è giusto mantenere e che danno il senso dell’importanza e del riconoscimento giustamente dovuto agli studi dei nostri giovani.



Devo dire che i lavori presentati erano tutti di spessore e alcuni addirittura di eccellenza.
Mi ha fatto particolarmente piacere che la tesi della ora Dottoressa Valentina Merati SICUREZZA E SOSTENIBILITÀ: VERSO UNA NUOVA CONCEZIONE DELL'AUTO - Analisi degli atteggiamenti e dei comportamenti alla guida di un'auto non di proprietà” le è valsa la laurea con 110 su 110 e la “lode”, riconoscimento quest’ultimo dell’eccellenza. Di questo studio io ero il correlatore avendo messo a disposizione tutta la strumentazione di ricerca usata nei Test, tutti eseguiti su strada e nel normale traffico.


Un momento dei test: Valentina Merati impartisce le istruzioni sui comandi del veicolo.

Mi ha colpito molto anche la parte iniziale dello studio che evidenzia l’evoluzione dell’atteggiamento umano verso il “mezzo” automobile, evoluzione tuttora in atto e tale da modificare sostanzialmente il concetto futuro di mobilità.

Segue la ricerca sul campo che a Milano ancora una volta analizza scientificamente, ovvero quantificandolo, il comportamento alla guida nel contesto reale del traffico e non in quello, per forza di cose artificiale, dei simulatori. La dottoressa Merati ha confrontato la guida di un gruppo di soggetti che al momento di noleggiare il veicolo venivano brevemente istruiti sui comandi dell'auto, messi a confronto con un altro gruppo a cui invece veniva solo consegnata la chiave del veicolo. Il percorso di una decina scarsa di chilometri era indicato al conducente dal GPS del veicolo. In una settimana di Test sono così stati raccolti milioni di dati e, quelli già elaborati, hanno dato chiare informazioni utili per la sicurezza e la prevenzione in generale e per chi ha a che fare con l’ autonoleggio ed il car-sharing in particolare.
Sul comportamento generale alla guida la Merati ha pure considerato le differenze di uso del freno fra conducenti più o meno sperimentati, fra donne e uomini, ecc. Molto interessante è pure la quantificazione presentata del tempo in cui lo sguardo abbandona il campo stradale per riconoscere e manipolare differenti comandi concentrandosi così all'interno dell’ abitacolo. Sono questi attimi assai più lunghi di quanto si poteva immaginare e che possono risultare fatali.

Ancora una volta emerge così il grande apporto che la Psicologia del Traffico fornisce all'analisi comportamentale dei conducenti e di quanto su questo tema ci sia ancora da scoprire, approfondire e capire.
Alla neo laureata i miei complimenti: largo a questi giovani !