L' incidente stradale ogni anno coinvolge, direttamente o indirettamente, migliaia di persone. Pensiamo a chi ha perso la vita o la propria indipendenza rimanendo più o meno menomato ed ai suoi famigliari che ne condividono dolore e disagio. Pensiamo a chi è chiamato dalla Giustizia a rendere conto delle proprie responsabilità. Tutti sono confrontati con procedimenti penali, civili e assicurativi mai semplici ma dove la domanda è sempre la stessa: com'è veramente successo?
Della ricerca di questa verità ho fatto l'obiettivo della mia attività professionale.

L' incidente: perizie e consulenza

Per difendere i vostri diritti, per ottenere il dovuto risarcimento o un giusto proscioglimento e per garantire al vostro rappresentante legale la consulenza di un esperto veramente autorevole e indipendente, sono a vostra disposizione oltre 40 anni di esperienza: la qualità peritale migliore a garanzia della vostra tutela e del vostro successo.

Leggi su perizia e consulenza

Gli esperti: formazione e ricerca

I nostri workshop di specializzazione garantiscono la formazione e l’ aggiornamento necessario ai massimi livelli dell’indagine peritale di analisi e di ricostruzione cinematica degli incidenti. La ricerca scientifica che conduciamo fin dal 1972, stando alla base di questi seminari distinguerà per sempre anche il vostro sapere di specialista.

Leggi su formazione e ricerca

Formazione 2019

Quest’anno la professione dello specialista analista e ricostruttore di incidenti stradali ha fatto importanti passi in avanti alzandosi di livello e mettendo così veramente una marcia in più. Infatti, a marzo è stata presentata a Roma l’Accademia di infortunistica stradale forense della CEEGIS, la nota Camera Europea degli Esperti Giudiziari di Infortunistica Stradale fondata a Pescia nel lontano 1987.
L’Accademia, di cui ho avuto l’onore ed il piacere di divenirne il direttore scientifico, mira a fornire una formazione d’avanguardia e di alto livello, attenta a quanto avviene in questo settore specie in Europa e al di fuori dall’Italia, dove la ricostruzione dei sinistri è un’arte che vanta lunghissima tradizione di ricerca, studio e formazione. Al seminario di Roma ha fatto seguito la visita effettuata dagli Esperti Giudiziari CEEGIS al DTC (Dynamic Test Center di Vauffelin, Canton Berna, Svizzera) dove, fra molto altro abbiamo assistito al primo Crash-test fra un veicolo autoguidato ed un’autovettura elettrica.


Il Crash-test del DTC: in verde il veicolo autoguidato, in rosa quello elettrico

L’obiettivo di questo Crash-test con angolo d’impatto 30° frontale era duplice.
Il veicolo autoguidato (verde – impatto a 50 km/h) rientra in uno studio sulla sicurezza dei suoi occupanti: in questo tipo di automobile verosimilmente la disposizione dei sedili “a salotto” non sarà più quella classica delle nostre auto. Di conseguenza anche gli ancoraggi di sedili e cinture e gli airbag richiederanno adattamenti idonei a garantire la sicurezza degli occupanti: per tale progettazione sono necessari parametri e verifiche.

Per il veicolo elettrico (rosa – impatto a 30 km/h) il punto focale era la sicurezza antincendio delle batterie (200 kg di batterie agli ioni di litio). Nello specifico, la protezione strutturale di quella vettura è stata in grado di evitare danni alle batterie tali da farle incendiare. Anche questo Crash-test dimostra quanto il Team di ingegneri specialisti del DTC sia sempre impegnato e proiettato verso il futuro della sicurezza stradale.

L’attività dell’Accademia CEEGIS non si esaurisce qui, questo sembra proprio essere solo l’inizio. Infatti, a ottobre a Bologna offrirà una 3 giorni fotogrammetria-cinematica-cinetica dove a CEEGIS si affianca in tutto, anche nella docenza, l’Ordine degli Ingegneri di Bologna nelle persone del Prof. Alfonso Micucci e del Prof. Mattia Strangi. Così il seminario non poggerà più sulle mie sole spalle ma anche su quelle dei due Colleghi professori appena citati che, credo, non necessitino di presentazioni particolari: in questo modo le forze si uniscono mirando sempre più in alto.
Ora, in Accademia con l’Ordine degli Ingegneri di Bologna inizia una fase formativa di confronto costruttivo, dove insegnamento frontale e attivo pratico si fondono partendo dalla base teorica per spaziare fino a quella risolutiva e perché no, anche dei calcoli informatizzati … forse mettendo a confronto anche quest’ultimi.

La grande novità oltre alla docenza - Micucci e Strangi sono entrambi ingegneri e professori dell’Università Alma Mater Studiorum di Bologna - è che questi seminari di post-formazione d’ora in poi non solo saranno tenuti a questo livello ma permetteranno agli Ingegneri di tutta Italia di usufruire dei CFP (crediti formativi professionali) dell’Ordine degli Ingegneri: infatti, saranno 16 quelli che si possono ottenere con il seminario di Bologna del 10-11-12 ottobre 2019.
Il programma è appena stato pubblicato, le iscrizioni sono aperte.

Seminario: Prospetto CEEGIS in PDF  Seminario: Prospetto Ordine Ingegneri in PDF